News

EVENTI

  • Omicidio Stradale

    Omicidio stradale: le prime indicazioni operative sulla nuova disciplina (Lg. 23 marzo 2016 nr. 41) A seguito dell’introduzione dei nuovi reati di omicidio stradale (art. 589-bis c.p.) e di lesioni personali stradali (art. 590-bis c.p.), ad opera della L. 23 marzo 2016, n. 41, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 24 marzo 2016 e in vigore da 25 marzo 2016, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trento, con la Circolare n. 5/2016, è intervenuta allo scopo di fornire le...

  • La riforma del processo civile

    La riforma del processo civile nel disegno di legge nr. 2953A del 10.03.2016 Per il processo di cognizione ecco le principali novità previste: il potenziamento degli istituti del tentativo di conciliazione e della proposta di conciliazione da parte del giudice: la mancata presenza delle parti ed il rifiuto ingiustificato della proposta di transazione da parte del giudice saranno comportamenti valutabili ai fini della decisione; l’applicazione obbligatoria del rito sommario (cd. “rit...

  • Danno non patrimoniale!

    Danno non patrimoniale: lo scostamento dalle tabelle milanesi va motivato (Cassazione Civile, sez. III, sentenza 04/02/2016 n° 2167) La Corte di Cassazione, con grande chiarezza, fa presente l’imprescindibilità della valutazione equitativa nel determinare il valore del danno la quale, seppur rispondendo a criteri di elasticità e flessibilità, allo stesso tempo, deve fondarsi su dei parametri prestabiliti, onde evitare che lo stesso tipo di lesione venga valutato in maniera differente da so...

  • Google e diritto all’oblio: la prima sentenza dei tribunali italiani

    Tribunale di Roma, n. 23771 del 03.1215 – Google e diritto all’oblio: la prima sentenza dei tribunali italiani La sentenza del Tribunale di Roma del 3 dicembre 2015 applica i principi elaborati dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea stabiliti nella nota decisione “Google Spain”, la quale ha formalizzato il diritto all’oblio quale espressione del diritto alla privacy nelle vicende personali diffuse via web che non siano più di pubblico interesse....

  • Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 23/11/2015 n° 23837

    Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 23/11/2015 n° 23837 – Danno esistenziale irrisarcibile senza allegazione di scelte di vita diverse Danno esistenziale irrisarcibile se non c’è allegazione di diverse scelte di vita. Il giudice è astretto all’allegazione che ne fa l’interessato sull’oggetto e sul modo di operare dell’asserito pregiudizio, non potendo sopperire alla mancanza di indicazione nell’atto di parte, facendo ricorso a formule standardizzate....

  • Cassazione Civile, sentenza 02/11/2015 n° 23837

    Cassazione Civile, sentenza 02/11/2015 n° 23837 – L’interpretazione della Cassazione sul perfezionamento della notifica telematica Sussiste un’evidente tipicità delle caratteristiche dei messaggi gestiti dai sistemi di posta elettronica certificata, così come di quelli che eventualmente significhino anomalie, non accettazione, mancata consegna, virus. In virtù di tale tipicità, non sono ipotizzabili forme di degradazione di efficacia della notifica basate su commenti che e...

  • Impugnabile il ruolo se invalidamente notificata la cartella

    Cassazione Sezioni Unite, sent. n. 19704 del 02.10.15 – Impugnabile il ruolo se invalidamente notificata la cartella È ammissibile l’impugnazione della cartella (e/o del ruolo) che non sia stata (validamente) notificata e della quale il contribuente sia venuto a conoscenza attraverso l’estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dall’Agente della riscossione, senza che a ciò sia di ostacolo il disposto dell’ultima parte del terzo comma dell’art. 19 del D.Lgs. n. 546 del 1...

  • Radio24 – La versione di Oscar

    30.09.15 – Radio24 – La versione di Oscar Oscar Giannino e la storica sentenza del Tribunale di Venezia del 23.09.15; annullate cartelle esattoriali per 660 mila euro....

  • I documenti nelle cause contro le banche

    Tribunale di Taranto, sentenza 3357 del 17.09.15 – I documenti nelle cause contro le banche Inoltre, per poter porre rimedio alla mancata disponibilità del documento contrattuale da parte del correntista, lo stesso deve essere conservato dalla banca, con la conseguenza inevitabile che nel caso in cui il correntista voglia proporre una causa bancaria, deve attivarsi prima del giudizio se non ne è in possesso, precostituendo la prova documentale al fine di ottenere la nullità....

  • Non basta la ricetta medica per salvarsi

    Cassazione penale, 11.09.2015 n. 36887 – Non basta la ricetta medica per salvarsi La Cassazione penale, con sentenza 36887/2015, statuisce che “in tema di guida in stato di ebbrezza, l’esito positivo dell’alcoltest costituisce prova della sussistenza dello stato di ebbrezza ed è onere dell’imputato fornire eventualmente la prova contraria a tale accertamento dimostrando vizi od errori di strumentazione o di metodo nell’esecuzione dell’aspirazione, non essen...

  • Cassazione, Sezioni Unite Penali, 5 febbraio 2015, n. 5396

    Cassazione, sez. Unite Penali, 5 febbraio 2015, n. 5396 L’art. 696 bis risulta ammissibile solo ove l’assegnazione dell’incarico peritale sia idoneo a risolvere la controversia sull’an e sul quantum, e ciò sia possibile in quanto gli accertamenti abbiano un elevato grado di fattualità. È quanto ha stabilito il giudice della terza sezione del Tribunale di Roma, rigettando un ricorso per accertamento tecnico preventivo ex art. 696 bis proposto dagli eredi di una donna de...

  • Cassazione, sez. III, 20 gennaio 2015, n. 811

    Cassazione, sez. III, 20 gennaio 2015, n. 811 Ricorrono numerosi casi in cui, pur non sussistendo un significativo danno biologico, sussiste invece un rilevante danno morale, ragione per la quale la valutazione del danno morale va operata caso per caso e senza che il danno biologico possa essere un riferimento assoluto. Il caso che occupa rientra tra quelli nei quali il danno morale è altamente significativo anche in presenza di un danno biologico lieve o da liquidarsi in misura lieve....

  • Incidenti Mortali

    Incidenti mortali, ogni familiare della vittima ha diritto al suo specifico danno morale ed esistenziale La liquidazione del danno non patrimoniale ai congiunti di una persona vittima di un incidente stradale non può essere uguale per tutti gli aventi diritto, né globale, con successiva ripartizione interna tra loro, ma deve necessariamente essere personalizzata, considerando tutte le circostanze del caso e la diversa incidenza dell’improvvisa e definitiva interruzione del rapporto familiare...